Da Realtà Mapei n° 151 - 15/02/2019

La Cattedrale di Camerino risorge dalle macerie grazie ai sistemi Mapei di rinforzo strutturale in FRP

Gravemente lesionata in seguito alle scosse sismiche che hanno colpito le marche nel 2016, l'abside della Cattedrale Santa Maria Annunziata  di Camerino è stata sottoposta a un delicato intervento di messa in sicurezza.

Attivata dalle autorità locali l'Unità di Crisi e Coordinamento Regionale, si è proceduto mediante cerchiature, per evitare la presenza di ingombri sottostanti all'abside sulla via di accesso al centro storico.

L'Assistenza Tecnica Mapei, in collaborazione con l'Ing. Alberto Balsamo dell'Università degli Studi di Napoli, si è occupata del rinforzo della struttura, scegliendo per questo edificio di interesse storico la reversibilità degli FRP, che sono meno invasivi,  e quindi rimuovibili in caso di mutate necessità o di avanzamento tecnologico.

Successivamente è stato effettuato un meticoloso intervento di ridisegno e decorazione dell'abside definito dalla Soprintendenza.

 

Location icon Camerino

Le scosse sismiche che dal 24 agosto 2016 hanno colpito il Centro Italia hanno lesionato o ridotto in macerie decine di edifici religiosi. L’ultimo e più impressionate caso è stato quello della Basilica di San Benedetto a Norcia, di cui è rimasta in piedi solo la facciata. Queste regioni hanno una densità di edifici religiosi che non ha paragoni con il resto dell’Italia: solo nella diocesi di Camerino sono state censite 454 chiese delle quali, dopo il terremoto di due anni fa, ben 222 sono risultate inagibili.

Nella città di Camerino è crollato il campanile di Santa Maria in Via, nella chiesa di San Filippo – dove si trova un dipinto di Tiepolo – ha ceduto una porzione di tetto, mentre la grande basilica patronale di San Venanzio è inagibile. Anche la Cattedrale di Camerino è rimasta danneggiata pesantemente.

 

 

BREVE STORIA DELLA CATTEDRALE

La chiesa di Santa Maria Annunziata è la chiesa principale di Camerino e cattedrale dell’arcidiocesi di Camerino-San Severino Marche. L’edificio attuale, scherzo del destino, è nato in seguito a un terremoto che nel 28 giugno del 1799 lesionò la chiesa costruita tra il XII e XIII sec. La struttura era così danneggiata che fu necessario ricostruirla.

L’attuale edificio è stato realizzato nei primi anni del XIX sec. su progetto di Andrea Vici, primo architetto della Reverenda Fabbrica di San Pietro e allievo di Vanvitelli, con il quale collaborò ai lavori per la Reggia di Caserta. I lavori furono sospesi nel 1807 a causa dell’arrivo delle truppe francesi e ripresero 10 anni dopo. L’ing. Clemente Folchi prese in mano i lavori dopo la morte di Vici, abbandonò il progetto originario e realizzò l’attuale facciata, con due campanili e un portico che è la continuazione di quello del Palazzo vescovile. La chiesa venne consacrata l’8 settembre del 1832.

GLI INTERVENTI POST TERREMOTO RICHIESTI DALLA SOPRINTENDENZA

Dopo gli eventi sismici del 2016 è stata attivata presso il Segretariato Regionale del MiBACT-Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per le Marche, in coordinamento con le Soprintendenze e gli altri Istituti territoriali, l’Unità di Crisi e Coordinamento Regionale per la verifica dello stato del patrimonio culturale e il rilevamento dei danni ai beni monumentali causati dal terremoto.

L’Assistenza Tecnica Mapei è stata contattata dai tecnici della Soprintendenza delle Marche, e - in collaborazione con l’ing. Alberto Balsamo dell’Università degli Studi di Napoli Federico II - ha seguito da vicino il complesso intervento di messa in sicurezza.


RINFORZARE I BENI STORICI CON SISTEMI FRP REVERSIBILI
L’ing. Balsamo - che aveva già collaborato in precedenza con l’Assistenza Tecnica Mapei in delicati interventi di consolidamento - ha presentato esperienze pregresse relative al livello di reversibilità di sistemi FRP, a fronte di eventuali successive richieste di rimozione.

In alternativa ai materiali e alle tecniche di rinforzo tradizionali, possono essere infatti impiegati materiali polimerici fibrorinforzati (FRP) per il consolidamento mediante placcaggio di elementi curvi come archi e volte e il rinforzo a taglio e/o a flessione di pannelli murari. Questi materiali offrono una serie di vantaggi - elevate prestazioni meccaniche, basso impatto architettonico, alta durabilità, facilità di applicazione e reversibilità degli interventi - particolarmente rilevanti quando il patrimonio edilizio ha carattere storico-monumentale come in questo caso.

Nel caso della Cattedrale di Camerino, la Soprintendenza aveva progettato un intervento di messa in sicurezza dell’abside mediante cerchiature che non avessero ingombri sulla sottostante via di accesso al centro storico, individuando nell’uso di FRP il materiale e la tecnologia più idonei. Contestualmente la Soprintendenza ha richiesto a Mapei e all’ing. Balsamo una verifica di fattibilità e di sostenibilità dell’ipotesi progettuale e il calcolo per il dimensionamento strutturale dei presidi di messa in sicurezza con fibre FRP.

 

 

L’APPLICAZIONE DEL SISTEMA FRP DI MAPEI

Prima di realizzare l’intervento di cerchiatura con le fasce in FRP, si è provveduto alla cucitura delle lesioni presenti tramite l’inserimento, a secco, di barre elicoidali MAPEI STEEL DRY 316 in acciaio inox AISI 316 ad altissima resistenza. Le barre sono state applicate eseguendo nella muratura dei fori di diametro minore rispetto a quello delle barre elicoidali poi installate. Successivamente queste ultime sono state innestate nei fori con l’utilizzo del MANDRINO PER MAPEI STEEL DRY. Terminato l’intervento di inserimento, i fori sono stati stuccati con la malta PLANITOP HDM RESTAURO.

L’intervento di cerchiatura è partito dalla realizzazione del sottofondo, dove è stata applicata, come strato di regolarizzazione, la malta bicomponente a base di calce idraulica naturale (NHL) ed eco-pozzolana a elevata duttilità e basso modulo elastico, PLANITOP HDM RESTAURO.

PLANITOP HDM RESTAURO è una particolare malta studiata appositamente per regolarizzare le superfici in pietra, mattoni e tufo. Se viene impiegata in abbinamento con le reti in fibra di vetro è inoltre in grado di rinforzare il paramento murario.

Per la cerchiatura è stato quindi utilizzato un sistema della gamma FRP, MAPEWRAP SYSTEM.

L’Assistenza Tecnica Mapei ha consigliato l’utilizzo del tessuto unidirezionale in fibra di carbonio ad alta resistenza MAPEWRAP C UNI-AX 600, a elevato modulo elastico ed elevata resistenza meccanica a trazione, particolarmente indicato per interventi in ambito sismico. Il tessuto viene posto in opera utilizzando una linea di specifiche resine epossidiche Mapei.

Sulle zone di interesse è stata applicata una prima mano di primer epossidico MAPEWRAP PRIMER 1 e quindi, sullo strato ancora fresco, è stesa una prima mano di resina MAPEWRAP 31 T in uno spessore uniforme, a cui è seguita l’applicazione - senza lasciare grinze - del tessuto MAPEWRAP C UNI-AX 600 facendolo ben aderire al supporto.

Sul tessuto è stata poi stesa una seconda mano di MAPEWRAP 31 T. Per evitare la formazione di zone di vuoto o discontinuità nell’incollaggio e per far penetrare completamente l’adesivo nelle fibre del tessuto, la superficie è stata spianata con il RULLINO PER MAPEWRAP.




UNA PARTICOLARE TECNICA DI RECUPERO DECORATIVO PER LE FASCIATURE
Particolarmente interessante anche la tecnica di mitigazione architettonica voluta dalla Soprintendenza, che ha chiesto di poter eseguire la decorazione delle fasciature realizzate in FRP, realizzata da restauratori professionisti.

Inizialmente sono state rasate le superfici interessate applicando uno strato di malta cementizia monocomponente ad indurimento normale PLANITOP 200. Dopo l’asciugatura del supporto, da parte di una ditta di restauri specializzata è stato eseguito un meticoloso intervento di ridisegno e decorazione. Il rinforzo è stato così ben mitigato e integrato nel paramento originario, con la consulenza dell’impresa Eugeni Pericle srl e della restauratrice Angela Allegrini.

Da sottolineare che questo è stato uno dei primi interventi eseguito su chiese importanti che ha visto l’Assistenza Tecnica Mapei collaborare con la Soprintendenza delle Marche.

Scheda progetto

Cantiere abside in muratura
Località Camerino, Italia
Sottocategoria CHIESA
Costruito nel 1800
Inaugurato nel 1832
Intervento fornitura di prodotti per il consolidamento e la messa in sicurezza dell’abside della cattedrale
Inizio e fine dei lavori 2018
Tipo di intervento Recupero murature, Rinforzo strutturale
Committente Segreteria Regionale MIBACTSoprintendenza Marche
Impresa appaltatrice Rinaldi
Imprese esecutrici Impresa Costruzioni F.lli Rinaldi srl (geom. Giulio Traini)
Architetti (implicati nei lavori) arch. Pierluigi Salvati; Assistente alla progettazione: geom. Diego Battistelli
Credits Cristan Sordini
Direttore lavori arch. Pierluigi Salvati
Coordinatore MAPEI Lorenzo De Carli, Dominica Carbotti, Gabriele Zamperini, Paolo Baldon, Luca Consorti, Riccardo Chiodoni, Massimiliano Petti (Mapei SpA)
Altro Consulente: Ing. Alberto Balsamo

Prodotti citati nell'articolo

MAPEI STEEL DRY 316
MAPEI STEEL DRY 316
Barre elicoaidali in acciaio inox AISI 316 ad altissima resistenza, da applicarsi “a secco” per il rinforzo di elementi strutturali in…
MAPEWRAP 31 T
MAPEWRAP 31 T
Adesivo epossidico tissotropico per l’impregnazione con “sistema a secco” dei tessuti MAPEWRAP. DATI TECNICI: Rapporto dell’impasto: comp.…
MAPEWRAP C UNI-AX SYSTEM
MAPEWRAP C UNI-AX SYSTEM
SISTEMA DI RINFORZO STRUTTURALE COMPOSTO DA TESSUTO UNIDIREZIONALE IN FIBRA DI CARBONIO AD ALTA RESISTENZA CON ELEVATO MODULO ELASTICO E…
MAPEWRAP PRIMER 1
MAPEWRAP PRIMER 1
Primer epossidico bicomponente specifico per il sistema MAPEWRAP. DATI TECNICI: Rapporto dell’impasto: comp. A : comp. B = 3 : 1. Tempo di…
PLANITOP 200
PLANITOP 200
Rasatura cementizia idrofuga a tessitura civile fine per calcestruzzi, rivestimenti plastici, vetrosi e porcellanato. DATI TECNICI:…
PLANITOP HDM RESTAURO
PLANITOP HDM RESTAURO
Malta premiscelata bicomponente ad elevata duttilità, fibrorinforzata, a base di calce idraulica (NHL) ed ECO-POZZOLANA, esente da cemento,…
Tags Realtà Mapei: #storico #rinforzo

Rimani in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità Mapei