Da Realtà Mapei n° 150 - 14/11/2018

Renzo Piano firma per Botín il nuovo centro culturale spagnolo di Santander

Il grande architetto italiano torna a dedicarsi all’architettura museale e progetta un centro fatto di luce e trasparenza.

Obiettivo del progetto, collegare la città al mare, creando nuovi spazi multifunzionali e culturali che rigenerino il molo di Santander e creino arte.

Per la posa degli ambienti ceramici, lo studio Renzo Piano Building Workshop ha scelto l’Assistenza Tecnica Mapei, che ha fornito le migliori soluzioni per la posa di ceramica e di mosaico vetroso.

Location icon Santander

Posizionato a sbalzo sull’acqua come se fosse un molo sul mare, il Centro Botín è sospeso da terra grazie a pilastri e colonne, che permettono il passaggio della luce consentendo ai visitatori la vista sulla baia.

Nato come spazio per l’arte e dedicato anche ad attività educative e culturali, il centro si trova in una posizione strategica sulla baia di Santander, il capoluogo della Cantabria, regione settentrionale della Spagna.

Realizzato dalla Fundaciòn Botín - la fondazione di arte contemporanea che faceva capo a Emilio Botín, ex presidente del Banco Santander - il Centro Botín è stato inaugurato lo scorso anno e punta a diventare un nuovo polo di attrazione turistica per la città e il suo territorio. Il Centro è firmato dallo studio Renzo Piano Building Workshop in partnership con lo studio madrileno Luis Vidal + Architects. Renzo Piano è stato scelto personalmente da Botín per realizzare il suo museo. L’architetto italiano è tornato così a interessarsi all’architettura museale dopo aver progettato il Centre Pompidou di Parigi, l’Auditorium di Roma, la Fondazione Beyeler di Basilea e l’Art Institute di Chicago.

 

 

UNA STRUTTURA PROTESA SUL MARE

Stretto fra il parco e il mare e in asse con il mercato pubblico, il Centro Botín si trova per metà agganciato a terra e per metà sospeso sull’acqua. La realizzazione di questa struttura ha restituito alla città, riqualificandola, la vasta area portuale del molo di Albareda chiusa al pubblico e destinata in precedenza a parcheggio, valorizzando e recuperando il collegamento visivo tra la parte storica urbana e il mare. La zona è stata ulteriormente riqualificata grazie anche alla costruzione di un tunnel lungo 219 m, che ha permesso di interrare la strada a scorrimento veloce, e all’ampliamento dei centenari Jardines de Pereda che ora si estendono fino al mare, triplicando le aree verdi e ripristinando l’accesso pedonale al mare.

Il Centro Botín si compone di due volumi arrotondati collegati tra loro da una serie di passerelle in acciaio e vetro che creano una nuova piazza in quota, completamente pubblica, dalla quale, per mezzo di scalinate e ascensori, è possibile accedere al Centro.

 

Con una superficie totale di 8.739 m2, la nuova struttura ospita nell’ala est un auditorium da 300 posti a doppia altezza posto a sbalzo sul mare, da cui si può godere una vista unica su Santander e la sua baia e un centro educativo con aule e spazi di lavoro. Questa sezione della struttura è stata dotata della massima flessibilità così da adattarsi ad attività multifunzione: l’auditorium può infatti ospitare concerti, letture, conferenze, ma anche feste, eventi e cerimonie; le sale del centro educativo possono accogliere laboratori creativi d’arte, musica, danza e cucina, per bambini oppure per adulti.

La parte occidentale invece è dedicata alle attività culturali e artistiche e ospita le gallerie espositive (superficie di 2.500 m2) disposte su due livelli e caratterizzate da uno scenografico doppio affaccio sia sul mare che sul parco. Lo spazio espositivo posto al piano superiore è illuminato zenitalmente grazie a una complessa copertura multistrato realizzata in vetro, alluminio e tela bianca. Al piano terra una facciata totalmente trasparente ospita invece uno spazio multifunzionale in cui si trovano la caffetteria, il ristorante, uno spazio commerciale e il centro informazioni. A fianco della facciata localizzata a ovest è stato realizzato anche un anfiteatro ‘scavato’ nel parco, attrezzato con uno schermo led per proiezioni e cinema all’aperto.

I due corpi che compongono il Centro sono interamente rivestiti da 280.000 piccole formelle in ceramica (che sono state posate meccanicamente), scelte in color madreperla e leggermente bombate, in modo da riflettere la luce del sole e il lucchichio dell’acqua.

 

 

SPAZI INTERNI DI QUALITÀ

Lo studio progettuale RPBW ha chiesto di utilizzare materiali di alta qualità che fossero organici all’architettura dell’edificio e alle sue caratteristiche di luce e trasparenza.

Per alcuni spazi come i bagni, gli spogliatoi e la zona cucina i progettisti hanno puntato su un design particolare e hanno deciso di rivestire le pareti con piccole tessere di mosaico vetroso brillante e dai colori tenui con la caratteristica di cambiare colore a seconda della luce del giorno. L’Assistenza Tecnica Mapei, coinvolta nel progetto, ha suggerito all’azienda per la posa del mosaico di utilizzare KERAPOXY CQ, malta antiacida, batteriostatica e con tecnologia brevettata BioBlock® utilizzata anche come riempitivo per le fughe. Permette di realizzare pavimenti, pareti e tavoli da lavoro conformi al sistema HACCP e ai requisiti del Regolamento CE n. 852/2004, sull’igiene dei prodotti alimentari. Negli spazi comuni le piastrelle sono state posate con l’adesivo cementizio ad alte prestazioni, a scivolamento verticale nullo e con tempo aperto allungato per piastrelle ceramiche ADESILEX P9. Per la stuccatura delle fughe è stato utilizzato ULTRACOLOR PLUS, malta ad alte prestazioni modificata con polimero, antiefflorescenze, ideale per la stuccatura di fughe da 2 a 20 mm, a presa e asciugamento rapido, idrorepellente con DropEffect® e resistente alla muffa grazie alla tecnologia BioBlock®.

Scheda progetto

Cantiere bagni, cucine e altri spazi interni
Località Santander, Spagna
Sottocategoria CENTRO CULTURALE
Costruito nel 2015
Inaugurato nel 2017
Intervento fornitura di prodotti per la posa e la stuccatura negli spazi comuni di piastrelle e nei bagni e in cucina di mosaico vetroso
Inizio e fine dei lavori 2015/2017
Tipo di intervento Posa di pavimenti e rivestimenti
Impresa appaltatrice Hisbalit
Imprese esecutrici Ascan - Ohl
Progettisti Renzo Piano Building Workshop, Luis Vidal + Architects (Madrid)
Distributore MAPEI Hisbalit, Azulejos Delgado
Coordinatore MAPEI Andrés Garrudo, Eduardo Jimenez (Mapei Spain)

Prodotti citati nell'articolo

KERAPOXY CQ
KERAPOXY CQ
Riempitivo epossidico bicomponente antiacido di facile applicazione ed ottima pulibilità, batteriostatico con tecnologia BioBlock®, ideale...
ADESILEX P9
ADESILEX P9
Adesivo cementizio ad alte prestazioni a scivolamento verticale nullo e con tempo aperto allungato, per piastrelle ceramiche e materiale...
ULTRACOLOR PLUS
ULTRACOLOR PLUS
Malta ad alte prestazioni, modificata con polimero, antiefflorescenze, per la stuccatura di fughe da 2 a 20 mm, a presa ed asciugamento...
Tags Realtà Mapei: #musei #colore #ceramica

Rimani in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità Mapei