Una chiacchierata con Mikaela Decio, Responsabile Environmental Sustainability del Gruppo.

Accanto alle tre colonne portanti di Mapei dell’Internazionalizzazione, della Specializzazione e della Ricerca&Sviluppo, da tempo si è fatta strada un’attività che guarda con grande attenzione ai temi ecologici, all’impatto dei prodotti sull’ambiente e sulla salute e alle emissioni in atmosfera. Che guarda, in sintesi, alla Sostenibilità Ambientale.

“Sono circa 20 anni che ci occupiamo di composti organici volatili, i VOC – afferma Mikaela Decio. – Il compito è verificare le caratteristiche dei nostri prodotti per quanto concerne la loro salubrità, sottoponendoli successivamente a prove di laboratorio da parte di enti terzi per poter ottenere certificazioni di bassa emissività, come ad esempio l’EMICODE, rilasciato dall’Associazione tedesca GEV per il controllo delle emissioni dei prodotti per edilizia, alla quale Mapei aderisce dal 2005”.

Dal maggio 2015, grazie anche all’ottenimento di un finanziamento statale su un bando del 2013 del ministero dell’Ambiente sulla carbon footprint dei prodotti, Mapei ha acquisito strumenti e competenze per misurare gli impatti ambientali dei suoi prodotti durante l’intero ciclo di vita, un’esperienza che le ha consentito di formalizzare, all’interno della sua organizzazione, una funzione aziendale (con Mikaela Decio lavorano Marco Mazzetti e Laura Carettoni), che si occupa di valutazioni del ciclo di vita dei propri prodotti (Life Cycle Assessment) e dichiarazioni ambientali di prodotto (EPD).

“Tra le tante attività, i miei colleghi ed io – aggiunge Decio – partecipiamo a gruppi di lavoro che si occupano di certificazioni di eco-sostenibilità degli edifici, LEED e BREEAM in particolare. Mapei è socio del Green Building Council Italia e io faccio parte del Board. È un’attività che ha ricadute positive sul mio lavoro, ma più in generale sulla società, perché i protocolli LEED prescrivono il rispetto di numerosi parametri ambientali di sistemi e prodotti utilizzati nel processo di costruzione. E in questo processo, che rappresenta la punta avanzata dell’edilizia moderna, noi di Mapei dobbiamo esserci”.

Ma cosa significa occuparsi della sostenibilità dei prodotti chimici?

“Vuol dire perseguire nelle nostre molteplici attività – continua Decio – che hanno come obiettivo la salute e la sicurezza dell’applicatore e del consumatore finale e il comfort abitativo delle persone, la minimizzazione degli impatti ambientali in fase di produzione, confezionamento, utilizzo e dismissione delle nostre attività e, infine, la sostenibilità degli edifici in cui il prodotto viene utilizzato”.

Motore indispensabile al raggiungimento degli obiettivi aziendali in materia di sostenibilità è l’attività di ricerca, un altro dei fiori all’occhiello dell’azienda milanese (il 70% della ricerca in Mapei è dedicato allo sviluppo di prodotti ecosostenibili). Una ricerca che negli anni ha seguito due linee di azione combinate, tese alla protezione e al comfort delle persone in ambiente indoor, mantenendo inalterati i livelli di qualità e durabilità: la progressiva eliminazione delle sostanze pericolose all’interno dei prodotti (Substances of Very High Concern, SVHC), la riduzione di sostanze emesse dai prodotti stessi in fase di posa o di utilizzo (VOC).

È su queste linee di azione che progressivamente Mapei ha eliminato l’utilizzo di solventi all’interno dei propri prodotti, come gli adesivi per resilienti, sostituendoli con formulazioni a base di acqua, e sviluppato formulazioni prive di sostanze altamente preoccupanti (SVHC) definite all’interno del regolamento REACH (Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals) della UE.

Tutela della salute e dell’ambiente ha voluto dire per Mapei mettere in produzione prodotti a basse emissioni di polveri in fase di miscelazione e utilizzo (la tecnologia Mapei Low Dust), a bassissime emissioni di sostanze organiche volatili e a basso odore.

Per la protezione degli ambienti indoor e per prevenire la diffusione del radon, Mapei ha sviluppato una gamma di membrane bituminose autoadesive (Gamma MAPETHENE) e una gamma di emulsioni bituminose (Gamma PLASTIMUL) per l’impermeabilizzazione dall’esterno di fondazioni e strutture interrate in muratura o in calcestruzzo armato. Per la protezione degli ambienti dal gas radon e dal gas metano Mapei ha sviluppato recentemente MAPEPROOF FBT, un manto sintetico in FPO in totale adesione alle strutture interrate.

Nel 2016, Mapei ha ottenuto la certificazione Certiquality per il processo di emissione e verifica delle dichiarazioni ambientali di prodotto, le EPD (Environmental Product Declaration). Dal 2016 a oggi Mapei ha sviluppato 41 EPD specifiche di prodotto, di cui una per i cappotti termici.

Misurando la carbon footprint dei propri prodotti, Mapei si preoccupa di compensarne i carichi ambientali con progetti di compensazione della CO2 emessa. È il caso dell’adesivo cementizio per ceramica KERAFLEX MAXI S1 ZERO, le cui emissioni di gas serra, relative al ciclo di vita del prodotto, verificate e certificate con EPD, sono compensate con l’acquisto di crediti certificati con un progetto di riforestazione, in un’area di oltre 21 mila ettari. Per supportare il lavoro dei progettisti impegnati nella realizzazione di edifici con elevate performance in termini di sostenibilità, in base ai protocolli LEED, BREEAM e Well, Mapei mette a disposizione, oltre a prodotti basso emissivi e anche corredati di EPD, anche soluzioni capaci di ridurre i consumi energetici all’interno degli edifici e di aumentare il rendimento termico degli ambienti indoor, come i sistemi di isolamento termico a cappotto (Sistema MAPETHERM) o i prodotti che contribuiscono a ridurre le isole di calore urbano grazie a un’elevata riflettanza solare (Gamma AQUAFLEX ROOF).

Dal 2017 in Italia sono entrati in vigore i Criteri Ambientali Minimi, CAM, secondo il Green Public Procurement che stabilisce l’utilizzo dei prodotti più sostenibili nei progetti del settore pubblico. In tal senso i prodotti Mapei conformi ai requisiti del protocollo contribuiscono alla realizzazione di progetti pubblici.

Infine, gli impianti produttivi: i principali stabilimenti Mapei applicano un sistema di gestione ambientale conforme alla norma ISO 14001.

I progettisti interessati all’aspetto sostenibile dei materiali possono, previa iscrizione all'area MyMapei, scaricare dichiarazioni LEED dei prodotti Mapei selezionando “Calcatore LEED v4” dalla loro area riservata. Inserendo il progetto e selezionando il prodotto necessario si ottiene la dichiarazione LEED certificata Mapei per quel prodotto selezionato.

Per ulteriori informazioni: sustainability@mapei.it 

 

Questo articolo, a firma di Pietro Mezzi, è apparso sul portale InfoBuild, che ringraziamo.

 

 

 

 

Foto e Video Gallery
gallery
Ti potrebbe interessare anche
20 anni di GEV
Attualità
09/11/2017
20 anni di GEV
GBC Italia: Mapei premiata come Leadership in Impresa e Sostenibilità
Sostenibilità
18/07/2019
GBC Italia: Mapei premiata come Leadership in Impresa e Sostenibilità
Bilancio di Sostenibilità 2017
Responsabilità sociale
20/12/2018
Bilancio di Sostenibilità 2017
Innovazione ed ecosostenibilità per essere competitivi
Interviste
06/11/2018
Innovazione ed ecosostenibilità per essere competitivi

Nell'articolo abbiamo parlato di: