Da Realtà Mapei n° 155 - 23/08/2019

Mapei Football Center: il progetto

Le linee guida del progetto architettonico firmato da Onsitestudio.

Location icon Sassuolo (Cà Marta)

Dopo uno stadio di proprietà - il Mapei Stadium - il Sassuolo Calcio dal 10 giugno ha la sua nuova casa: è il “Mapei Football Center”. “Una struttura di eccellenza nel campo dell’impiantistica sportiva - ha dichiarato Giorgio Squinzi - e un supporto alla prima squadra e ai giovani, così come un punto di incontro con i tifosi e il territorio attraverso le molteplici iniziative e i progetti di integrazione che il Sassuolo Calcio vi organizzerà”.

Grazie alla sinergia con Mapei, il Sassuolo Calcio ha realizzato in breve tempo una struttura con 6 campi da gioco, di cui uno con tribuna coperta, che vedranno convivere gli allenamenti della Prima Squadra e del Settore Giovanile, un edificio principale direzionale e due edifici minori di servizio.

 

TRADIZIONE E INNOVAZIONE PENSANDO AL PAESAGGIO

Il progetto è curato da Onsitestudio con la collaborazione dello Studio Giorgetta Architetti Paesaggisti e fonda le sue premesse nel rapporto con il paesaggio agricolo aperto e pianeggiante, inserendo nel contesto l’edificio come un grande elemento orientato, come un decumano nella stessa direzione della centuriazione, dei campi agricoli e ora dei campi sportivi.

Il progetto, usando forme e tipologie dell’architettura storica (le barchesse, i porticati, gli arretramenti, l’uso della simmetria, i mattoni, le proporzioni, i dettagli delle facciate) torna a guardare il presente come parte integrante di una tradizione e di una ricerca collettiva. Il riferimento tipologico è agli elementi in linea, fondati sulla ripetizione di strutture in mattoni delle grandi architetture agricole di servizio, come le barchesse, o le antiche fabbriche di ceramiche di questa zona oppure ai tipi degli edifici sportivi dell’antichità greca e romana che si disponevano longitudinalmente sul bordo dei campi.

 

CONSUMARE MENO SUOLO POSSIBILE

L’edificio costituisce una presenza calma, visibile da grande distanza, landmark riconoscibile e paesaggistico, dando continuità alla memoria storica del sistema orizzontale dell’ambiente agricolo, attraverso un nuovo significato. Esso entra in relazione con il paesaggio con la sua scala controllata (un’altezza di 12 metri circa), rappresentando perciò uno sfondo discreto alle alberature e lasciando la prospettiva libera dall’edificio verso il canale di Modena e l’orizzonte lontano. L’edificio trova un’eco nell’immagine del fotografo Luigi Ghirri (Cittanova, 1984) per la sua espressione dell’ambigua e speciale monumentalità di piccole facciate di edifici civili o religiosi isolati e disposti nell’orizzontalità del paesaggio della via Emilia. La facciata Nord è quella principale, dove è posizionato l’ingresso. La facciata è curva per ricevere la luce del sole verso est e ovest, è concava per accogliere le persone e i flussi che arrivano sia dai lati che di fronte. Una panca lungo tutta la curva della facciata definisce una piccola piazzetta con una grande quercia.

 

SOBRIETÀ NELLA SCELTA DEI MATERIALI

Il progetto dell’interno ha previsto un insieme di materiali che, non richiedendo ulteriori finiture, rappresentano il tono e l’atmosfera “spartana” e sofisticata di spazi come quelli richiesti da questi tipi di programma. Le strutture orizzontali e verticali in cemento armato sono state lasciate a vista, come i solai prefabbricati tipo Predalles. I tamponamenti interni delle pareti perimetrali e i corridoi di distribuzione principale sono in blocchetti di calcestruzzo cellulare di colore bianco con due finiture: ruvida e levigata lasciati a vista per garantire la durevolezza della pulizia e l’assenza di manutenzioni necessarie negli spazi di grande percorrenza e affollamento. I pavimenti sono in resina colorata per gli spazi di distribuzione, gli spogliatoi, le fisioterapie, mentre sono in gomma per le palestre, in legno per gli spazi a ufficio, in ceramica per le zone di servizio e locali tecnici. Le pareti delle zone di servizio sono rivestite in ceramica fino all’altezza di 200 cm, mentre per gli altri spazi sono tinteggiate, a parte le zone di distribuzione e le pareti confinanti con l’esterno, che sono in blocchetti di cemento a vista.



Giancarlo Floridi e Angelo Lunati. Onsitestudio

Scheda progetto

Cantiere Edificio per attività sportiva e uffici, 3 campi da calcio a 11, campi d'allenamento, parcheggi
Località Sassuolo (Cà Marta), Italia
Sottocategoria CENTRO SPORTIVO
Costruito nel 2018
Inaugurato nel 2019
Intervento fornitura di prodotti per la realizzazione del centro sportivo con annessi campi da gioco
Inizio e fine dei lavori 2018/2019
Tipo di intervento Coperture murali, Fornitura di additivi, Impermeabilizzazione, Nuove costruzioni, Soluzioni per pavimentazioni sportive
Impresa appaltatrice Colombo Costruzioni Spa
Imprese esecutrici Campi: LIMONTA Spa, PARADELLO GREEN Snc, SCARABELLI IRRIGAZIONE Srl, ZAMBON MARIO Srl Edificio: Colombo Costruzioni Spa
Progettisti Onsitestudio (Giancarlo Floridi, Angelo Lunati)
Architetti (implicati nei lavori) Onsitestudio (Giancarlo Floridi, Angelo Lunati)
Credits Andrea Vignoli; Filippo Romano
Direttore lavori Milan Ingegneria (Ing. Maurizio Milan)

Rimani in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità Mapei