Additivi e Assistenza Tecnica Mapei per la costruzione del Ponte Genova San Giorgio

6 agosto 2020

Mapei è tra le aziende produttrici italiane che hanno contribuito con i propri prodotti alla costruzione del Nuovo Ponte di Genova, firmato dall’Architetto Renzo Piano e realizzato da Webuild e Fincantieri Infrastructure.

Per l’intervento Mapei ha fornito gli additivi per il calcestruzzo preconfezionato impiegato per la costruzione delle pile e della soletta, e la consulenza dei suoi tecnici e specialisti 24 ore su 24 dall’inizio dei lavori fino alla posa degli ultimi metri cubi.

Mapei ha inoltre fornito le sue soluzioni per il ripristino, il rinforzo e l’impermeabilizzazione della rampa Elicoidale, la struttura di raccordo che collega a est il ponte San Giorgio con l’autostrada A7.

“Siamo lieti di aver contribuito alla costruzione del Nuovo Ponte di Genova San Giorgio  - ha commentato Veronica Squinzi, Amministratore Delegato di Mapei - Fornire soluzioni certificate e durevoli è da sempre la nostra missione”.

Le tecnologie e i sistemi Mapei proposti uniti al servizio di assistenza fornito e al continuo confronto con il progettista, il produttore di calcestruzzo e i tecnici dell’impresa hanno contribuito a realizzare la più importante opera infrastrutturale italiana degli ultimi decenni, simbolo di ricostruzione, impegno e volontà di ripresa.

 “A meno di due anni dal crollo del Ponte Morandi, oggi che la memoria della tragedia è più viva che mai, l’inaugurazione del Nuovo Ponte è la dimostrazione che la dedizione, l’impegno e la passione per il proprio lavoro possono contribuire a creare qualcosa di eccezionale e sostenibile” – ha aggiunto Marco Squinzi, Amministratore Delegato di Mapei.

 

Progetto

Il ponte è costituito da un impalcato in acciaio-calcestruzzo con una travata continua di 1.067 metri composta da 19 campate (14 campate di 50 m, 3 campate di 100 m, 1 campata di 40,9 m, 1 campata di 26,27 m) ed è sorretto da 18 pile in cemento armato di sezione ellittica.

Le forme morbide del ponte, dalle pile ellittiche all’impalcato che richiama la carena di una nave, e il colore chiaro dei suoi elementi permetteranno all’opera di armonizzarne la presenza nel paesaggio.

 

Costruzione delle pile

Le 18 pile in cemento armato di sezione ellittica sono state realizzate in getti di calcestruzzo a ciclo continuo con l’utilizzo di casseri rampanti, ovvero particolari casseforme che si agganciano alla struttura stessa, utilizzando come base di appoggio il calcestruzzo messo in opera nel getto precedente. Il calcestruzzo, al momento del nuovo getto, deve aver raggiunto la resistenza meccanica necessaria per sopportare il peso oltre che del cassero anche del nuovo calcestruzzo.

Le operazioni di costruzione delle pile sono state svolte in un intervallo di tempo da giugno 2019 a gennaio 2020 e hanno incontrato condizioni ambientali e temperature diverse che hanno influenzato la scelta degli additivi portando Mapei a proporre l’utilizzo di una combinazione di prodotti diversi.

La combinazione degli additivi ad elevata tecnologia, in grado di modificare le reazioni di idratazione e indurimento dei materiali cementizi, ha permesso di raggiungere in sicurezza il risultato atteso e garantire una costante resistenza meccanica tra i vari getti.

DYNAMON XTEND W400 N è un additivo liquido super fluidificante che consente una riduzione dell’utilizzo di acqua del 20% nell’impasto, con effetto neutro sui tempi di presa del calcestruzzo.

DYNAMON LZ 551 è un additivo in grado di prolungare il mantenimento della lavorabilità del calcestruzzo senza provocare fenomeni di ritardo di presa e indurimento.

MAPEFAST ULTRA è un additivo a base di polimeri inorganici nanostrutturati in grado di incrementare le resistenze meccaniche del calcestruzzo in climi freddi, basato sulla tecnologia innovativa di “seeding catalysis”.

Ultimo requisito, fortemente voluto dalla committenza, è stato quello di garantire al momento della scasseratura un faccia a vista eccellente, un calcestruzzo privo di difettosità, omogeneo nel colore, che facesse risaltare l’effetto materico della perfezione del manufatto. Il risultato è stato brillantemente raggiunto, oltre che attraverso una corretta progettazione della miscela di calcestruzzo, anche con l’utilizzo di uno specifico agente disarmante in grado di garantire un risultato estetico di pregio. Dopo una serie di mock-up in cantiere si è deciso di utilizzare: MAPEFORM W60, disarmante in dispersione acquosa per calcestruzzi ad elevata finitura estetica.

 

Realizzazione della soletta

Una volta terminato il montaggio dell’impalcato metallico, la seconda fase che ha visto Mapei coinvolta con i propri prodotti è stato il getto della soletta, realizzata con un calcestruzzo a ritiro compensato, al fine di prevenire la formazione di fessure dovute a fenomeni di ritiro.

Anche per questa lavorazione, realizzata nel mese di giugno 2020, si è dovuto tenere conto di diversi fattori derivanti dalle esigenze progettuali quali una elevata resistenza meccanica, un valore di ritiro controllato del calcestruzzo entro parametri definiti e, aspetto fondamentale per le fasi di messa in opera e finitura superficiale, un prolungato mantenimento della lavorabilità in climi caldi con resistenze meccaniche elevate alle brevi stagionature per agevolare le operazioni di staggiatura e lisciatura della superfice.

Come in precedenza per le pile, il raggiungimento del risultato è stato possibile grazie alla combinazione di prodotti specifici:

DYNAMON XTEND W202 N, additivo acrilico ad elevata riduzione d’acqua e rapido sviluppo delle resistenze meccaniche alle brevi stagionature.

DYNAMON LZ 551, additivo in grado di prolungare il mantenimento della lavorabilità del calcestruzzo senza provocare fenomeni di ritardo di presa e indurimento.

EXPANCRETE PLUS, agente espansivo per calcestruzzi a ritiro controllato.

Sui cordoli laterali della soletta, per minimizzare le evaporazioni d’acqua e la possibile formazione di cavillature, è stato utilizzato:

MAPECURE WG, stagionante filmogeno a base acqua con effetto antievaporante e protettivo contro l’azione del sole e del vento.

 

Ripristino dell’Elicoidale

I lavori di ripristino e rinforzo hanno interessato le fondazioni, le pile e l’impalcato del viadotto.

I prodotti utilizzati per le pile e le elevazioni sono stati:

MAPEFER 1K, malta cementizia per la protezione anticorrosiva dei ferri di armatura.

MAPEGROUT EASY FLOW, malta cementizia tissotropica, fibrorinforzata, per il ripristino di strutture in calcestruzzo mediante intonacatrice.

MAPEGROUT EASY FLOW GF, malta cementizia tissotropica, fibrorinforzata, per il ripristino di strutture in calcestruzzo dove è richiesta maggiore duttilità.

MAPELASTIC GUARD, malta cementizia elastica per la protezione dagli agenti atmosferici aggressivi di opere in calcestruzzo.

MAPEGROUT COLABILE B2, betoncino cementizio colabile, fibrorinforzato e a ritiro compensato, per il ripristino di strutture in calcestruzzo.

MAPEGROUT GF BETONCINO B1, betoncino cementizio colabile, fibrorinforzato, per il ripristino di strutture in calcestruzzo dove particolari spessori e conformazioni impongono l’impiego di calcestruzzi predosati colabili.

MAPEFIX EP 585, fissaggio chimico a base di resina epossidica pura per carichi strutturali.

 

Per quanto riguarda l’impalcato, sia all’intradosso che all’estradosso, sono stati utilizzati i seguenti prodotti:

MAPEFER 1K, malta cementizia per la protezione anticorrosiva dei ferri di armatura.

MAPEGROUT EASY FLOW, malta cementizia tissotropica, fibrorinforzata, per il ripristino di strutture in calcestruzzo mediante intonacatrice.

MAPEGROUT LM2K, malta cementizia tissotropica per il ripristino del calcestruzzo in spessore da 3 a 20 mm, in una sola mano.

ADESILEX PG1, adesivo epossidico tissotropico per incollaggi strutturali.

EPOJET, resina epossidica superfluida per iniezioni e ancoraggi.

MAPECOAT E23, primer epossidico per la protezione del calcestruzzo prima della finitura poliuretanica.

MAPECOAT PU33, rivestimento elastico a base di resine poliuretaniche bicomponenti per la protezione del calcestruzzo.

MALECH, fondo acrilico all’acqua, uniformante e promotore di adesione.

ELASTOCOLOR PITTURA, pittura elastomerica protettiva antifessurazione, per esterni ed interni, ad elasticità permanente e elevata resistenza chimica.

 

L’impermeabilizzazione della soletta della rampa elicoidale è stata effettuata con i prodotti:

PRIMER SN, primer epossidico bicomponente fillerizzato.

PURTOP 400 M, membrana poliureica ibrida, priva di solventi, da applicare a per la realizzazione in sito di un manto impermeabilizzante per impalcati di pareti e coperture.

PURTOP PRIMER NERO, primer a solvente specifico per migliorare l’adesione di pavimentazioni in asfalto su superfici impermeabilizzate mediante prodotti della linea PURTOP.

 

 

Progetti citati nell'articolo

Category icon INFRASTRUTTURE

2019/2020

Nuovo Ponte per Genova

Genova, Italia

Fornitura di additivi

Rimani in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità Mapei